Pancotto.

(Pancotto fa il fonico a cottimo e suona in una band, ma nel complesso si muore di fame. Così, per alzare due spicci, si è iscritto ai satanisti e sogna di fare un disco rap con Jay-Z. Vuole sapere cosa penso di questa diabolica soluzione per l’affitto della camera. Gli dico che come garante Lucifero va anche bene, ma deve portarmi le ultime tre buste paga, o una fidejussione della J.P.Morgan Chase Bank. Quando Pancotto è in ritardo con la pigione viene in camera mia, prima enuncia ruttando una qualsiasi volgarità, quindi si spalma lento sulla chaise longue del mio [...]

2017-01-26T19:23:34+00:00 28/09/2012|Frapparentesi|

Bacco, tabacco e Venere.

(Antonio è ingegnere e fa le pompe. Ha un grande negozio a Casal Bruciato, celebre tra gli amici per l’intrigante insegna blu che recita “Idropompe Sommerse”. Vive e sogna da ingegnere. Una volta mi ha confessato di avere un sogno ricorrente. Antonio torna in salone e si lascia sprofondare sul divano, accende la tv e fa zapping; quando tutto a un tratto si accorge che sta utilizzando il telecomando senza essersi lavato le mani, dopo aver pisciato. Così tutte le notti si sveglia di soprassalto e si alza per controllare. Tra le altre cose Antonio è anche un gran puttaniere. [...]

2017-01-26T19:23:34+00:00 21/09/2012|Frapparentesi|

Meditate, gente!

(C’è questa tizia che mi vuole parlare di meditazione, se da un’ora o da un anno non lo so più. Vuole parlarmene a tutti i costi. Le dico che se mi parla ancora di meditazione la uccido. Lei vuole assolutamente parlarne, evidentemente anche a costo della vita. Allora me ne vado, e lascio solo i miei occhi vacui a riempire la mia faccia indifferente che ritmicamente dondola: annuire senza capire. Scappo nel mio fantastico mondo degli orsetti gommosi, dove non sono se non voglio, e sono al contempo tutto quello che voglio essere. Ora ad esempio sono una conchiglia, e [...]

2017-01-26T19:23:34+00:00 14/09/2012|Frapparentesi|

Piacere, mi chiamano Frappa.

Lo chiamano Frappa. Ovunque lo chiamano Frappa, anche a casa sua. Addirittura gli anziani del suo palazzo, anche loro, lo chiamano Sig. Frappa. A casa sua non ci sono genitori di nessuno ed è piena di amici suoi che portano amici degli amici loro. Questa gente che conosce di sfuggita è la sua famiglia, e lo chiamano Frappa anche mentre li caccia a calci nel culo. Generalmente quelli un po’ più piazzati sono gli amici suoi più cari, sia in termini di cibo che di carta igienica. Fino al metro e sessanta sono gli amici abbordabili, sotto questa soglia sono [...]

2017-01-26T19:23:35+00:00 31/08/2012|Frapparentesi|